AREA RISERVATA AGLI ASSOCIATI
sei in: Home > Categorie ed Aggregazioni > Categorie > Trasporto > Autotrasportatori > News > Documento di Unatras e Anita al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Delrio

News dalla 52 alla 61

News
Condividi su Twitter Condividi su Facebook Invia per email
Documento di Unatras e Anita al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Delrio
Data: 25/06/2015

Si pubblica di seguito il documento di Unatras e Anita con le richieste presentate ieri al Ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio.

RICHIESTE PRESENTATE AL MINISTRO DEI TRASPORTI GRAZIANO DELRIO – MIT

(Incontro del giorno 23 giugno 2015 ore 16.30)

1. MERCATO

a. L’Albo degli Autotrasportatori deve garantire la regolarità delle imprese iscritte, essere accessibile a tutti coloro che soddisfano i criteri previsti dalle attuali norme e ciò nel minore tempo tecnicamente possibile;

b. Introdurre la “indeducibilità delle fatture” se non pagate entro sessanta giorni dall’emissione;

c. Lo Stato rispetti i patti sottoscritti con le Associazioni di categoria dell’autotrasporto merci e riconosca al più presto l’effettiva erogazione delle spese non documentate e SSN ; dell’emanazione del decreto investimenti garantendo la parità di trattamento tra le imprese, senza discriminazioni legate alla caratteristica dimensionale, per evitare distorsioni della concorrenza e destrutturazione delle imprese, in coerenza con la legge di stabilità 2015 che favorisce le aggregazioni; l’emanazione del decreto formazione;

d. Stabilisca il Governo il corretto agire economico di qualsiasi impresa nazionale od estera dell’autotrasporto merci organizzando i controlli su strada specifici e mirati al rispetto delle comuni regole, senza privilegi né favoritismi settoriali;

e. La Circolazione stradale deve essere comunque garantita anche nel caso di precipitazioni nevose non eccezionali e modificato il calendario annuale dei divieti di circolazione eliminando – per quanto possibile – le giornate festive e semifestive, nonché tutte le giornate feriali, fatta eccezione per il periodo di ferragosto;

f. Incentivi con determinazione il rinnovo del parco veicolare ecologico per almeno tre anni anche con misure di detassazione;

g. Mantenga il principio che gli incentivi alla Formazione Generale, di base e professionale siano destinati direttamente alle imprese di autotrasporto, prevedendo che il pagamento venga effettuato solo a seguito di “nulla osta” da parte dell’ente formatore.

2. SEMPLIFICAZIONE

a. Prosegua con decisione e fermezza e con ferreo rispetto della cronologia prefissata al completo e totale trasferimento delle funzioni di regolazione del settore alle motorizzazioni, compreso il trasferimento del personale;

b. Completi il processo di informatizzazione e digitalizzazione della Motorizzazione affinché l’Amministrazione diventi esempio di paragone per altre Pubbliche Amministrazioni;

c. Attui i processi di semplificazione già definiti con enti similari e contigui come il PRA, di cui si chiede l’eliminazione, e l’ACI nonché con il sistema delle Camere di Commercio.

3. DUMPING SOCIALE

a. Istituire il doppio registro per gli autisti nei trasporti internazionali così come già avviene per i marittimi e stop alla liberalizzazione del cabotaggio;

b. Introdurre il “salario minimo mediano” che è aderente alla disciplina giuridica del Trattato di Roma al fine di avere la parità di condizioni per rendere le imprese italiane competitive sui mercati;

c. Attuare le direttive Europee in merito al Distacco e alla Somministrazione di autisti internazionali realizzando gli opportuni e previsti accordi tra gli Stati interessati;

d. Decontribuzione del costo del lavoro di almeno il 15% per i prossimi tre anni almeno in attesa che l’attuazione delle riforme in merito ai porti, infrastrutture e logistica possa aumentare la media della velocità commerciale;

e. Uscita dell'Italia dalla CEMT e contestuale riduzione dei contingenti bilaterali con i Paesi extra UE.

4. NORMATIVA

a. Addivenga all’approvazione di un Testo Unico dell’autotrasporto merci che riequilibri le modalità del conto terzi e del conto proprio e riorganizzi il recepimento delle normative europee in maniera organica e semplificata;

b. Favorire la diffusione nel settore del contratto di rete;

c. Introduca tutte le deroghe previste dal Regolamento UE n. 561/2006 al fine di avere le stesse condizioni alla pari della maggiore parte dei paesi europei;

d. Sostenere a livello europeo l’emanazione di una norma interpretativa dell’art. 12 del Reg. 561/2006 che consenta il rientro in sede degli autisti o l’arrivo a terminal ferroviari o marittimi, quando il veicolo si trovi in prossimità degli stessi;

e. Escludere le imprese di autotrasporto e logistica dal contributo di funzionamento dell’Autorità di regolazione dei Trasporti, le cui competenze non interessano il settore, già pienamente liberalizzato e sottoposto alla regolazione dell’Albo degli autotrasportatori;

f. Cancellazione dell’assetto giuridico del SISTRI come condizione indispensabile per realizzare una sua valida sostituzione alternativa;

g. Prevedere una nuova sperimentazione del Progetto P18, estendendone la durata a 10 anni, per consentire l’ammortamento dei veicoli.


Riferimento per la notizia
Andrea de Matthaeis
0461-803715
Fanno parte del Sistema Artigianato Trentino
Fanno parte del Sistema Confartigianato
 
Certificazioni

 
© 2016 - Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento
via Brennero 182, Trento - Tel.+390461803800 -Fax +390461824315 -info@artigiani.tn.it P.IVA 00469060222
termini e condizioni | Social Media Policy | cookie policy | site map
realizzato da Net Wise