AREA RISERVATA AGLI ASSOCIATI
sei in: Home > Categorie ed Aggregazioni > Categorie > Trasporto > Autotrasportatori > News > Aiuti alle piccole imprese di autotrasporto per la cessazione dell'attività: criteri e limiti

News dalla 86 alla 95

News
Condividi su Twitter Condividi su Facebook Invia per email
Aiuti alle piccole imprese di autotrasporto per la cessazione dell'attività: criteri e limiti
Data: 31/07/2014

Criteri e limiti per la concessione degli aiuti alle piccole imprese di autotrasporto per la cessazione dell'attività.

Di seguito riportiamo i punti principali della manovra definita “esodo”; tale misura è stata introdotta in favore delle imprese di autotrasporto della Provincia a seguito di precisa richiesta dell’Associazione Artigiani e del Direttivo degli Autotrasportatori a fronte della difficile situazione congiunturale del settore.

1. CAMPO DI APPLICAZIONE E REQUISITI

1. L’aiuto è destinato alle piccole imprese di autotrasporto con meno di nove dipendenti che cessano l’attività e che abbiano iniziato l’attività prima del 30 ottobre 2009.

2. L’aiuto è incompatibile con eventuali aiuti concessi dalla Provincia autonoma di Trento per favorire l’aggregazione aziendale.

3. Per accedere agli aiuti le piccole imprese di autotrasporto devono possedere i seguenti requisiti:

a) iscrizione all’albo degli autotrasportatori della provincia di Trento;

b) possesso di almeno un autoveicolo adibito al trasporto di cose per conto di terzi di massa complessiva superiore a 11,5 tonnellate.

Sono in ogni caso escluse dalla concessione dell’aiuto le imprese che hanno cessato l’attività a causa di procedura concorsuale o che alla data della domanda abbiano in corso procedure concorsuali.

2. MISURA DELLE AGEVOLAZIONI

1. L’aiuto è accordato nel rispetto della normativa dell’Unione Europea in materia di aiuti d’importanza minore («de minimis»), nelle seguenti misure:

a) possesso di 1 autoveicolo di massa complessiva superiore a 11,5 tonnellate adibito al trasporto di cose per conto di terzi:

euro 15.000,00

b) possesso di 2 o più autoveicoli di massa complessiva superiore a 11,5 tonnellate adibiti al trasporto di cose per conto di terzi:

euro 30.000,00.

Il numero di autoveicoli è valutato con riferimento alla data del 1° gennaio 2014 ed ha riguardo ai mezzi di proprietà o in disponibilità in forza di contratti di leasing.

3. OBBLIGHI E REVOCHE

1. Il beneficiario dell’aiuto deve avere cessato qualsiasi attività di autotrasporto merci conto terzi tra il 1° gennaio 2014 e la data di presentazione della domanda di concessione dell’aiuto ovvero cessare la medesima attività entro il 30 giugno 2015.

3. Il beneficiario dell’aiuto non può trasferire a qualsiasi titolo l’azienda di autotrasporto di merci per conto di terzi né cedere l’intero parco veicolare o singoli veicoli aventi massa complessiva a pieno carico non inferiore a 80 tonnellate a soggetti che attraverso l’acquisto avviino l’attività di autotrasporto merci conto terzi

4. Il titolare o i soci, siano essi persone fisiche o giuridiche, dell’impresa beneficiaria dell’aiuto nonché i collaboratori nel caso di impresa familiare, non possono per un periodo di 10 anni decorrente dalla data di cessazione dell’attività.

Per ulteriori dettagli invitiamo ad una lettura puntuale della delibera e del suo allegato che ne è parte integrante.

Fanno parte del Sistema Artigianato Trentino
Fanno parte del Sistema Confartigianato
 
Certificazioni

 
© 2016 - Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento
via Brennero 182, Trento - Tel.+390461803800 -Fax +390461824315 -info@artigiani.tn.it P.IVA 00469060222
termini e condizioni | Social Media Policy | cookie policy | site map
realizzato da Net Wise